Cos’è e a cosa serve il certificato di stipendio?

“Ho richiesto una cessione del quinto e oltre alla documentazione di reddito che ho fornito mi hanno fatto firmare una delega per la richiesta del certificato di stipendio, cos’è? A cosa serve?”

Quando si richiede un finanziamento tramite la Cessione del Quinto a una banca o ad una finanziaria, oltre i documenti personali e di reddito che consegnate, viene richiesto il certificato di stipendio.

Cos’è il certificato di stipendio? Cosa contiene?

Il certificato di stipendio è un documento che viene redatto dall’azienda per la quale lavorate, con il quale essa conferma il rapporto di lavoro che ha in corso con voi e alcuni dati relativi al tipo di assunzione oltre ai dati dell’azienda.

I principali dati riportati nel certificato di stipendio: Dati dell’azienda

  • Ragione sociale
  • Partita IVA
  • Sede legale
  • Numero di dipendenti
  • Capitale sociale

Dati del dipendente

  • Dati anagrafici
  • Retribuzione lorda e netta su base annuale e mensile
  • TFR accantonato (con specifica di adesione a fondi)
  • Eventuali trattenute già presenti sullo stipendio (cessioni del quinto, prestiti aziendali, pignoramenti)

A cosa serve?

Lo scopo di questo documento è quello di fornire un attestato dettagliato della vostra retribuzione e la solidità dell’azienda presso la quale lavorate.

Sulla base della retribuzione netta mensile indicata sul certificato di stipendio è possibile poi calcolare la rata massima che potete utilizzare per il prestito di Cessione del Quinto.

La rata massima che potrete destinare alla vostra cessione, verrà stabilita, semplicemente dividendo per cinque la vostra retribuzione netta mensile.

La mia azienda non compila il certificato di stipendio ma rilascia una dichiarazione di servizio, va bene lo stesso?

A differenza del certificato di stipendio, la dichiarazione di servizio risulta meno dettagliata, ma viene considerato comunque un documento valido al fine della richiesta di finanziamento.

Con la dichiarazione di servizio, l’azienda dichiara semplicemente quale tipo di rapporto di lavoro la lega a voi, la data d’assunzione e non sempre indica dati relativi allo stipendio e al TFR accumulato.

Nel caso l’azienda non indichi gli importi dello stipendio netto e il TFR, l’istituto dovrà basarsi sugli importi riportati sulla busta paga e sul cud.

Cosa succede se l’azienda non vuole rilasciare nessun documento?

L’azienda dovrà comunque rispondere all’istituto che non è sua intenzione compilare nessun documento, in quanto non obbligata.

Questo a volte comporta che la pratica vada in preaccettazione per una verifica più scrupolosa, ciò NON vuol dire che la pratica non si possa fare, ma semplicemente potrebbe comportare una variazione del preventivo stabilito per rientrare in alcuni parametri.

QUI puoi trovare un quadro generale sulla cessione del quinto per conoscere più a fondo le sue caratteristiche e l’elenco completo della documentazione necessaria per richiederla.

Condividi l'articolo

Dario Franzoni

Dario Franzoni

Mi chiamo Dario e da anni, come collaboratore di Kiron Partner Spa mi occupo di finanziamenti tramite Cessione del Quinto. Ho una vasta e ferrata conoscenza del prodotto e di tutti i suoi tecnicismi. Ad oggi ho aiutato molti clienti ad esaudire le loro necessità che vanno dal semplice ottenimento di liquidità al consolidamento di più prestiti e credo proprio di poter aiutare anche te.

Contattami al 3482426562

Inquadra il QR e salva il mio contatto

Kiron Partner SpA - Iscrizione Elenco Mediatori Creditizi n° M39 - P.IVA 11346070151

Sito internet di Dario Franzoni - P.IVA 03521900989

Agenzia Kiron di Brescia - Via Della Volta 4/B (BS)
Tel.: 030 9127187 - E-mail : k0171@kiron.it